BycShop Blog

Bere caffè di sera provoca insonnia?
Curiosità

L’insonnia è una patologia sempre più diffusa, e molto spesso capita di imputare colpe all’assunzione del caffè pomeridiano o alla sera dopo cena.

Ad oggi evidenze scientifiche non legano questa abitudine con la patologia.

L’insonnia infatti è un problema con radici più profonde e non direttamente influenzabile da un caffè serale consumato ogni tanto. Questa patologia purtroppo è caratterizzata dalla difficoltà di addormentarsi o di dormire a sufficienza e in maniera continua durante la notte oppure dall’assunzione di determinati farmaci, depressione, ansia, abuso di sostanze eccitanti come l’alcol tra cui il caffè.

Detto questo, non è quindi l’orario in cui si assume l’ultima tazzina di caffè, ma piuttosto la quantità complessiva di caffeina assunta quotidianamente che combinata con i casi sopra citati, aumenta le probabilità di rischio insonnia.

Non tutti i caffè contengono la stessa quantità di caffeina, e varia a seconda dell’origine. Anche la preparazione gioca un ruolo importante: il caffè fatto con la moka tradizionale, quello non filtrato e quello napoletano contengono molta caffeina, mentre quello solubile in bassa quantità. 

Le dosi giornaliere consigliate non devono superare i 300 mg (il corrispettivo di circa tre tazzine), tenendo presente che la caffeina è presente anche nel tè, alcune bevande energetiche, cioccolata etc.

Per concludere, ogni caso andrebbe affrontato singolarmente, il nostro consiglio è di non abbondare con le quantità, ma di prediligere la qualità, magari provando il nostro Rhodigium caffè torrefatto a legna.

Visita il nostro sito web oppure scarica la nostra App Rhodigium Caffè: acquista online il tuo caffè e prova la differenza del vero caffè fatto come una volta, anche solo per curiosità!